ZonArte for OGR Officine Grandi Riparazioni

ZonArte for OGR Officine Grandi Riparazioni 01.10.2017 | 13.10.2017

Nell’occasione del Big Bang, alle OGR Officine Grandi Riparazioni, ZonArte, il network che riunisce i Dipartimenti Educazione delle principali istituzioni piemontesi dedicate all’arte contemporanea – Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Fondazione Merz, GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea e PAV Parco Arte Vivente, costituitosi con il sostegno della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, accoglierà il pubblico alla scoperta dell’opera Tutto Infinito dell’artista Patrick Tuttofuoco.
Così lo scenario di un passato recente, uno dei più importanti esempi di architettura industriale dell’Ottocento a Torino, recuperato e restituito alla città grazie all’impegno e alle risorse della Fondazione CRT, rivive nella sua nuova definizione di spazio aperto alle future visioni.
Un’opera, quella di Patrick Tuttofuoco che, dialogando con lo spazio post industriale delle Officine, porta nell’installazione tutta la magia del sito e le memorie di un’attività metallurgica di cui sono ben visibili le tracce e gli echi del suono negli ambienti circostanti. Suggestioni che dal passato conducono al futuro, passando per un’idea di universo non solo scientifico ma anche immaginifico. Come nei suoi precedenti lavori, la processualità dell’opera comprende lo spazio della collaborazione, lo scambio e il confronto tra esperienze e individui (Patrick Tuttofuoco).
Nell’installazione, terra e metallo, luci al neon e colori fluo configurano l’opera che trova i suoi riferimenti anche nella figura umana evocata, nei dettagli anatomici e nei lavori scultorei.
Una narrazione aperta che offre allo spettatore, sia esso bambino o adulto, un percorso avvincente, che partendo dagli stessi elementi consente di vivere un’esperienza singolare e molto personale. Come afferma Patrick Tuttofuoco Ognuno può costruire la propria narrazione, lo spettatore è chiamato in causa, non contempla ma fruisce (…)
Un corto circuito spazio/temporale dove tutti possono muoversi liberamente nel percorso che, mentre rende gli spettatori protagonisti assoluti del viaggio, allude a un altrove che si manifesta nel qui e ora, sottesi all’opera nel suo insieme. Patrick Tuttofuoco, nella relazione con i bambini di Casa Oz e ZonArte, ha creato un’opera complessa: un dispositivo articolato, immaginato e allestito per consentire al pubblico, di vivere un’esperienza unica, immersiva, estetica e sinestetica.

Visita il sito OGR per maggiori informazioni.

 

www.zonarte.it