Meteorite in Giardino | 7.6.2018

Meteorite in Giardino | 7.6.2018 07.06.2018 | 07.06.2018

Giovedì 7 giugno ore 21 – ingresso gratuito

con:
Luigi Coppola, Popolazioni Evolutive, 2018, installazione
Andreea Soare, soprano
Sofia Mazar, pianoforte
Musiche Bela Bartok

 

Luigi Coppola, Popolazioni Evolutive, 2018

Dopo 25 anni vissuti in Siria, a capo del team di ricerca che stava sperimentando con i contadini l’evoluzione genetica partecipativa dei cereali, il genetista Salvatore Ceccarelli è costretto nel 2010 ad abbandonare le ricerche a seguito dello scoppio delle guerra civile: il lunghissimo lavoro fatto è a rischio. Riesce a portare con sé una piccola quantità di semi di cereali in Italia, centinaia e centinaia di varietà, raccolte e riprodotte dai contadini siriani. Quel miscuglio inizia a essere riprodotto e coltivato e da lì a pochi anni la pratica del miscuglio si è diffusa sempre di più e sta scuotendo dalla base le certezze culturali rispetto all’idea di monocultura, di uniformità, di selezione genetica.
La carica rivoluzionaria delle popolazioni evolutive risiede nell’intrinseca capacità di rispondere eticamente alle maggiori sfide agroecologiche del presente: assicurare la sicurezza alimentare nonostante le incertezze legate al cambiamento climatico, arricchire l’agrobiodiversità e migliorare così le caratteristiche nutrizionali dei cibi, riportare il controllo dei semi nelle mani dei contadini e agricoltori praticando così una forte azione partecipativa e di commoning.
Le popolazioni evolutive hanno la capacità di evolversi nel tempo, di adattarsi alle condizioni climatiche e di suolo, di lasciare alla terra scegliere le varietà da far crescere. Questa scelta agricola si presta a diventare una metafora di accoglienza della diversità senza pregiudizi riguardanti la falsa idea di specie autoctona, creando una coltura e, parallelamente, una cultura, nuova e mai uguale. Attraverso i simboli e i rituali legati alla coltivazione delle popolazioni si racconterà in chiave epica alcune scelte di fondo che l’umanità potrà compiere nei prossimi anni sfuggendo alle logiche della dominazione della natura, dell’uniformità, della monocultura e abbracciando logiche di ibridazione intraspecie, contaminazione, decolonizzazione, eclettismo, circolazione e complessità attraverso delle strategie trasformative delle strutture di potere esistenti.

BIOGRAFIE

LUIGI COPPOLA
Luigi Coppola è un artista che lavora nei campi dell’arte pubblica, performance, video e installazioni. La sua ricerca si orienta verso pratiche collaborative e partecipative e azioni politicamente motivate, sviluppando una pratica artistica attivatrice di potenziali e immaginari collettivi, partendo dall’analisi di specifici contesti sociali, politici e culturali. E’ attualmente attivatore del movimento legato alla Casa delle Agriculture di Castiglione d’Otranto (Lecce) con cui sviluppa il progetto a lungo termine del Parco Comune dei Frutti Minori.
Coppola ha sviluppato progetti di arte pubblica, performance e mostre in molti contesti internazionali come BAK Utrecht, 2018; Kunsthaus Graz, 2017; Quadriennale Roma, 2017; Kumu Art Museum, Tallinn, 2017; Teatro Continuo, Milano, 2016; Parckdesign, Brussels, 2016; Athens Biennale, Athene, 2015; Kadist Art Foundation, Parigi, 2012; Steirischer Herbst, Graz (AU) 2012; and Biennale Democrazia, Torino, 2009. Coppola vive e lavora tra Bruxelles e Lecce.

ANDREEA SOARE
Nata in Romania, Andreea Soare si è laureata in musicologia all’Università di Strasburgo. Si perfeziona nel canto al Conservatorio Nazionale di Musica di Parigi. Nel 2011, ha vinto il concorso internazionale di canto di Clermont-Ferrand, ha vinto il premio “Amici del Festival di Aix-en-Provence” e il premio HSBC presso l’Accademia di musica europea di Mozart / Handel. Nel mese di ottobre 2011, si è unita all’ Atelier Lyrique dell’Opéra national de Paris, in cui ha cantato i ruoli di Maddalena (La Resurrezione ), Sandrina (La Finta Giardiniera ), Silvia (L’isola disabitata ) e Clarice (Il Mondo della luna). Ha partecipato a numerosi concerti al Palais Garnier con l’Orchestra dell’Opéra National de Paris e all’Auditorium du Louvre. Come solista, interpreta “Praxinoé” ( Louis Vierne ) e “La Damoiselle Élue” di Debussy’s per “La Folle Journée de Nantes”. È stata protagonista di un recital di arie francesi a Tokyo e Kanazawa con Philippe Cassard al pianoforte e, con l’Orchestra Nazionale di Varsavia. Ha cantato “Les quatre derniers lieders” di Strauss a Clermont-Ferrand, “The Fairy Queen” di Purcell a Lausanne, “le Stabat Mater” di Poulenc al Festival de La Chaise-Dieu e “La Messe du Couronnement” di Mozart.
Ha ottenuto il Lyric Premio Circolo Carpeaux e AROP nel 2013. L’Opera di Parigi l’ha selezionata per “La Cerisaie” di Philippe Fénelon e “Le nozze di Figaro” di Mozart, ha inoltre interpretato “La Damoiselle élue” de Debussy a l’Amphithéâtre Bastille, Enrichetta (I Puritani) et la Première Dame (Il Flauto magico) all’Opéra Bastille.
Nel 2016 è stata Fiordiligi (Così fan tutte) nell’Opera Nazionale di Bucarest, Contessa di Ceprano (Rigoletto) e Gran sacerdotessa (Aida) all’Opera di Parigi.
Nel marzo 2016 ha debuttato in Germania all’Opera di Colonia con il ruolo di Donna Elvira (Don Giovanni), sotto la direzione di François Xavier Roth.
Nel 2017 ha debuttato nel ruolo di Contessa Almaviva nelle “Nozze di Figaro” di Mozart all’Opera di Colonia-Germania, nel ruolo di Pamina nel “Flauto Magico” di Mozart al Teatro dell’Opera di Tolone.
Durante la stagione 2017-2018 ha partecipato alla creazione dello spettacolo “Cachez la profondeur” nel teatro di Compiegne, in collaborazione con il Festival di Aix en Provence, è la Contessa Almaviva nelle “Nozze di Figaro” al Teatro di Darmstadt, in Germania, ha partecipato ad una serie di concerti in Francia con il trio Chausson, ha partecipato ai due recital “Strauss-Enescu” al festival di Aix en Provence, soprano solista nel” Carmina Burana” C.Orff, canta “Notti d’estate” di Berlioz con l’orchestra Università di Strasburgo, e stata inoltre invitata ad una serie di recital a Strasburgo, Seoul-Corea, Parigi, Angers ecc.
La prossima stagione sarà la prima ninfa in” Rusalka” di Antonín Dvořák all’Opera Nazionale di Parigi, e Mélisande in “Ariane et Barbe Bleue” di P.Dukas al Teatro dell’Opera di Tolosa

SOFIA MAZAR
È co-fondatore e direttore artistico di JIOM (Jerusalem International Opera Master-Class), vocal coach e pianista. È una delle figure di spicco nel campo dell’opera italiana e russa in Israele. È assistente alla cattedra all’Università ebraica di Gerusalemme, dove le è stato conferito il premio del Forum europeo per la ricerca dell’Opera italiana di Ottocento. È una vocal coach presso la Music & Dance Academy di Gerusalemme (dal 1997) e alla New Israeli Opera. Ha partecipato al Festival israeliano e ha suonato con l’Haifa Symphony Orchestra e l’Israel Sinfonietta Beer Sheva. Ha inoltre avviato numerosi festival musicali e corsi di perfezionamento e si è esibita regolarmente in recital in Italia, Israele, Russia, Belgio, Mosca House of Music, Università di Torino, Museo di Brüssel, Ramat Gan Theater, ecc.