Botto&Bruno “The Ballad of Forgotten Places” nella collezione dei Musei Reali Torino

Botto&Bruno “The Ballad of Forgotten Places” nella collezione dei Musei Reali Torino 20.02.2020 | 31.01.2021

Dal 20 febbraio 2020 l’opera di Botto&Bruno The Ballad of Forgotten Places, nata dal progetto vincitore della terza edizione del bando Italian Council 2018 e promossa dalla Fondazione Merz, entra a far parte delle collezioni della Galleria Sabauda – Musei Reali di Torino.

The Ballad of Forgotten Places, accolta dai Musei Reali negli spazi della Sala degli Stucchi della Manica Nuova, ambiente caratterizzato da una esuberanza decorativa neobarocca, suggerisce uno sguardo contemporaneo e nuove riflessioni sul tema della memoria e della cura delle tracce del tempo.

L’installazione presenta una vera e propria natura migrante; riunisce in essa le tracce e i segni del tempo e delle culture che l’hanno modellata e costruita.
Nella visione di Botto&Bruno «i luoghi marginali hanno bisogno di essere protetti e curati e soprattutto hanno bisogno che le persone si attivino a conservarne la memoria».
Da questa riflessione, ispirandosi alle parole di Marc Augé per il quale «il nostro tempo non produce più rovine perché non ne ha il tempo», gli artisti hanno concepito una struttura che evoca una rovina contemporanea, le cui pareti esterne costituiscono i resti di un’architettura modernista e dell’utopia che rappresenta.

The ballad of forgotten places è il progetto degli artisti Botto&Bruno promosso da Fondazione Merz, vincitore della III edizione del bando Italian Council (2018), concorso ideato dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo e realizzato in stretta collaborazione con il Segretariato regionale per il Piemonte del Ministero per i beni e le attività culturali 

 

Realizzato grazie al sostegno di