Petrit Halilaj. Skrepëtima

pagine: 24
formato: 23 X 27 cm
data di pubblicazione: ottobre 2018
confezione: brossura punto Omega
lingua: Italiano/Inglese
prezzo: € 5,00
isbn 978-88-7757-274-5

con un testo di Leonardo Bigazzi

In occasione della mostra Skrepëtima di Petrit Halilaj (dal 29 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019), è stata pubblicata la documentazione fotografica che riproduce l’allestimento alla Fondazione Merz.

Il progetto Shkrepëtima presentato alla Fondazione Merz prosegue l’indagine dell’artista sulle radici storiche di Runik, la cittadina kosovara dove è cresciuto, dalle sue origini Neolitiche fino al suo passato recente. La mostra rappresenta il momento culminante e conclusivo di un articolato progetto, curato da Leonardo Bigazzi, e declinato in tre diverse tappe. Il primo e fondamentale capitolo è la performance tenutasi il 7 luglio 2018 presso le rovine della Casa della Cultura di Runik, luogo che per oltre trent’anni è stato il simbolo dell’identità culturale dei suoi cittadini. A questa è seguita la mostra al Zentrum Paul Klee di Berna, Svizzera (20 luglio – 19 agosto 2018).

La mostra presenta una serie inedita di sculture e installazioni monumentali che ricontestualizzano all’interno della Fondazione Merz le scenografie, i costumi e gli oggetti di scena della performance ospitata negli spazi risistemati della Casa della Cultura di Runik. Nell’opera di Halilaj le macerie della Casa della Cultura ritrovano una funzione di testimonianza storica diventando espressione di una volontà precisa di ricordare il passato in un contesto in cui invece è molto forte il desiderio di rimozione. Attraverso il suo linguaggio onirico e visionario l’artista ha raggiunto un sorprendente bilanciamento tra il peso della storia di questi frammenti e la leggerezza fisica data dalla loro sospensione.

Halilaj è riuscito a mettere in relazione due edifici e due realtà molto diverse, che però rappresentano certamente un punto di riferimento per le comunità che sono nate e cresciute intorno ad esse. Il suo intervento ci ricorda non solo la centralità dei luoghi della memoria nella costruzione della nostra identità, ma anche che il loro potenziale non è necessariamente limitato ad una città o ad una nazione, e può esprimersi in varie forme generando uno spazio di riflessione condiviso.

 

Acquista Acquista